Immaginate di visitare una grande città internazionale, ma con l’accoglienza che solo un piccolo paese dall’ambientazione familiare potrebbe dare. Il tutto immerso in un paesaggio naturalistico molto affascinante, specie durante il periodo natalizio: tutto questo è Ginevra

Ginevra è crocevia di relazioni culturali ed economiche, che uniscono i maggiori Paesi dell’Europa; ma, soprattutto, in essa si trovano la sede di importanti organizzazioni, come l’ONU, e anche il Comitato Internazionale della Croce Rossa. Con i suoi 200 mila abitanti, Ginevra è la seconda città della Svizzera e ospita organizzazioni internazionali e missioni permanenti di oltre 160 Stati, rappresentativi dei rispettivi governi. Ginevra è, dunque, un centro sempre aperto anche sull’economia internazionale e ospita numerose banche estere. L’«Horloge Fleuri», l’orologio di fiori del Giardino Inglese, è un famoso simbolo dell’industria orologiera ginevrina.

Per gli amanti delle arti e della cultura, Ginevra è la città giusta da visitare, con le sue numerose sale da spettacolo, i musei, le Biblioteche Comunali. Vale la pena di visitare il Grand Théâtre, che ospita artisti di livello internazionale; il Museo Internazionale dell’Orologeria, che vanta una ricca collezione di carillon e orologi-gioiello; il Museo Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, che permettono di conoscere più da vicino il lavoro dell’organizzazione umanitaria; il Palazzo delle Nazioni Unite, con il grande portone a griglia. Sulla riva destra del lago si trovano la maggior parte dei grandi alberghi e numerosi ristoranti. Sulla riva sinistra, invece, troneggia il centro storico, il cuore di Ginevra che ospita il quartiere dello shopping e degli affari. Esso è dominato dalla Cattedrale di St-Pierre, dalla cui torre nord a tre navate si gode una bella veduta della città e del lago. Anche se il centro vero e proprio della città vecchia è la Place du Bourg-de-Four, la piazza più antica della città. I viali, le vie che costeggiano il lago, gli innumerevoli parchi, i pittoreschi vicoli del centro storico e gli eleganti negozi invitano a concedersi tranquille passeggiate. Una delle antiche vie cittadine che ha saputo conservare al meglio il suo fascino è la Grand-Rue, dove nacque Jean-Jacques Rousseau. Le «Mouettes», una sorta di taxi acquatici, permettono di passare da una riva all’altra; mentre, i battelli più grandi invitano a effettuare una crociera sul Lago Lemano, così da avere una straordinaria carrellata di castelli e sfarzose residenze, immersi nel meraviglioso scenario di colline e montagne.

La città dei parchi e del Giardino Botanico
Ginevra è molto famosa anche per essere una delle città più verdi d’Europa. Infatti, viene definita la città dei parchi, per i suoi molto spazi verdi. Il simbolo della città, chiamata anche la «metropoli più piccola del mondo», è il «jet d’eau», un’affascinante fontana sul Lago Lemano, il cui getto crea una colonna d’acqua alta 140 metri. Ma, in particolare, il turista non può perdersi una visita al Giardino Botanico di Ginevra, che è stato creato nel 1817 da A. P. de Candolle. Al principio, il Giardino botanico svizzero faceva parte del “Parc des Bastions” ed è solo nel 1901 che è stato trasferito presso il sito attuale. I 28 ettari di giardino botanico e di serre ospitano piante tropicali provenienti da tutti i continenti del mondo: stagno, giardino di fiori, giardino dei sensi, voliera e parco faunistico con animali rari lo rendono perfetto per passeggiate al contempo culturali e divertenti. Appena fuori Ginevra, il giardino svolge funzione sia di area didattica, dedicata alla botanica, sia di parco ricreativo. Le varietà di piante sono divise in base al loro habitat: dalle piante protette, alle piante medicinali e utili, alle piante da giardino e fiori: oltre ai fiori esotici, il Giardino Botanico ospita più di 16.000 varietà vegetali. Numerose sono anche le specie di uccelli esotici che vivono allo zoo del Giardino Botanico, che dal 1904 è accessibile al pubblico. Gli appassionati di botanica saranno entusiasti di una visita al laboratorio, all’erbario e all’immensa biblioteca. Il Giardino botanico si trova in Chemin de l'Impératrice 1, Chambésy-Ginevra (Info per orari, prezzi e percorsi: www.ville-ge.ch).

Natale tra i mercatini di Montreux
In Svizzera i mercatini di Natale sono da sempre una favolosa tradizione popolare molto rispettata. Nel periodo prenatalizio le piazze si trasformano con decorazioni, luminarie e alberi di Natale che creano un’atmosfera unica. I Mercatini di Natale si svolgono nelle maggiori città del Paese, come Berna, Neuchatel, Montreux, Biel e Zurigo, per citare i più famosi. In particolare, il Mercatino di Natale di Montreux, sul lago di Ginevra e non distante da Losanna, è caratterizzato da oltre 150 espositori di prodotti artigianali e gastronomici della regione. Anche quest’anno, infatti, dal 22 novembre al 24 dicembre, 140 artigiani presentano i loro prodotti originali: enogastronomici, gioielli, oggetti scolpiti e decorazioni per l’albero e per il presepe. Da non perdere sono i gustosissimi dolci e il famoso vin brulè, da gustare per scaldarsi, mentre si visita il mercatino! A mille metri di altitudine, a Caux e in direzione dei Rochers-de-Naye, non si può tralasciare la visita al Villaggio di Natale, che accoglie le famiglie e i loro bambini con la fabbrica dei giocattoli, gli animali di Babbo Natale e le passeggiate sui pony. Un'altra possibilità è il treno a cremagliera di Babbo Natale che il mercoledì, il sabato e la domenica conduce alla casa di Babbo Natale, in cima ai Rochers-de-Naye.
Info per orari dei mercatini e del Villaggio: www.mercatini-natale.com

Ginevra e dintorni  (Lavaux-e-lago-Lemano.jpg)
Itinerari in bici, città ricche di storia, musei singolari, terme, crociere con battelli d’epoca e menù degustazione con specialità locali e vini pregiati, escursioni sulle Alpi. Tutto a meno di 100 km dal confine italiano, in un territorio tra Svizzera e Francia pieno di attrazioni turistiche. Situato tra Svizzera e Francia, il Lago Lemano offre numerose opportunità di vacanza: si possono raggiungere le città di Ginevra, Losanna e Montreux, sede del famoso jazz festival; oppure, si può trascorrere un po’ di tempo in una piacevole località termale come Evian, sulla sponda francese del lago. Ma si può anche fare una crociera in battello o un tour in bici, senza dimenticare che la zona è rinomata anche per i suoi vini: Lavaux, patrimonio mondiale dell’Unesco, grazie ai suoi 800 ettari di vigneti, è la più estesa regione vitivinicola svizzera. I dintorni presentano tantissime occasioni anche per chi ama la montagna e desidera effettuare escursioni sulle Alpi Vallesi. Un’altra destinazione da non mancare è il Monte Salève, che si trova nella vicina Francia. In meno di cinque minuti, la funivia conduce i visitatori a 1.100 m di altitudine, con una fantastica veduta sulla città di Ginevra, il Lago Lemano, la catena alpina, il Giura e il Monte Bianco.

Informazioni utili per il camperista

Come arrivare in camper
La regione del Lago Lemano è vicinissima all’Italia e Ginevra è a meno di 100 km dal confine italiano (con l’ingresso dal traforo del Bianco), a 133 da Aosta, 235 km da Torino e a circa 320 km da Milano. Si percorre l’autostrada A5 e si raggiunge la Francia attraverso il tunnel del Monte Bianco (vietato ai mezzi euro 0). Dopo Chamonix, si prosegue verso la Svizzera con l’autostrada A 40 o con la strada europea E 25 per Ginevra, e poi l’autostrada A411 / E712. In alternativa, ad Aosta si può imboccare la statale 27 e prendere il tunnel del Gran San Bernardo, proseguire in direzione Martigny e poi immettersi sull’autostrada A9 o la strada europea E27 per Losanna; da Martigny per raggiungere Evian e Ginevra, sulla riva meridionale del lago, si può proseguire lungo la statale E 27.
L’alternativa: il passo del San Bernardo e la via Francigena: si tratta di un viaggio nel viaggio pieno di suggestioni, ripercorrendo una via percorsa prima dai Salassi nel neolitico (3000-2700 ac), poi dai Romani, da Carlo Magno in transito da Acquisgrana a Roma, da Federico Barbarossa e Napoleone.

Dove sostare in camper
Ufficialmente non è permesso il campeggio libero, ma in vari cantoni la sosta è tollerata per un periodo non superiore a una notte nelle aree di servizio (in alcuni casi a pagamento). A livello locale, la possibilità di campeggio libero può venire ulteriormente limitata da restrizioni indicate dalla segnaletica stradale. In ogni caso, è fondamentale evitare di lasciare rifiuti e naturalmente non fare danni di alcun tipo. Sono ancora poco numerose le aree attrezzate per la sosta dei camper. 

Vi segnaliamo, in particolare, alcune soste o campeggi:
Area attrezzata con scarico delle acque: Ginevra, Via Route de Meyrin. Coordinate GPS: 46° 13‘ 22'' N  6° 5‘ 44'' E
Campeggio “Geneve City Camping: 19 route du Bois de Bay, 1242 Satigny/Genève, tel. +41 (0)22-3410505. Periodo di apertura: 01/01 fino al 31/12; Prezzo indicativo: € 38.60 / € 48.80. Coordinate GPS N 46°12'3"  E 6°4'0" 
Campeggio “Pointe à la Bise: (collegato con una navetta gratuita al centro di Ginevra) rue Chemin de la Bise, 1222 Vésenaz/Genève, tel. +41 (0)22-7521296. Periodo di apertura: 01/04 fino al 02/10; Prezzo indicativo: € 53.60 / € 64.70. Coordinate GPS N 46°14'42"  E 6°11'36" 
Campeggio “Morges Le Petit Bois: (non lontano da Losanna) promenade du Petit-Bois 15 CH-1110 Morges, tel. +41 (0)21-8011270. Periodo di apertura: 01/04 fino al 24/10; Prezzo indicativo: € 46.70 / € 57.50. Coordinate GPS N 46°30'17"  E 6°29'20"

Autore: 

Francesca Bruti

Fonte: www.camperlife.it